IO ODIO BOYHOOD

boyhood

Ho appena finito di vedere Boyhood. Nel frattempo è arrivata la primavera, l’estate, l’autunno, l’inverno e poi ancora la primavera. Ho lasciato un buco così profondo nel divano che l’Unesco lo ha dichiarato settima meraviglia del mondo e patrimonio dell’umanità. Tutti gli insonni del Pianeta Terra lo useranno al posto del Lormetazepam come medicina alternativa. Non sentirete più i bambini dei vostri vicini piangere di notte, basteranno 15 minuti di Boyhood non solo per farli addormentare, ma per ammazzarli definitivamente. E’ stato così pesante, vuoto e senza senso che vorrei tanto abbracciare James Wan e dirgli di fare subito altri film. E VELOCE, GRAZIE. Ho boccheggiato sperando che un’ape mi entrasse in bocca e mi mandasse in shock, o che magari i Maya si fossero sbagliati e fosse oggi il giorno del giudizio. E’ stato così noioso, inutile e flemmatico che tutti i registi orientali hanno alzato le mani e si sono dati immediatamente all’agricoltura.

Perchè va bene che il progetto “facciamo un film in 12 anni così vediamo l’attore crescere” MA ANCHE STICAZZI EH. Sticazzi le infanzie travagliate che il cinema ne è pieno, sticazzi i quindicimila divorzi e i quindicimila mariti che il cinema ne è pieno, sticazzi i discorsetti esistenziali che il cinema ne è pieno. Sticazzi tutto, perchè non c’è stato niente, e dico niente, di originale, profondo, indispensabile, passionale, coinvolgente, vivo in questo film del cazzo. Un esercizio di stile che porterà sicuramente riconoscimenti assolutamente immeritati, solo perchè sei riuscito a produrre uno dei più noiosi e ridicoli film della storia del cinema in un mostruoso e non-funzionale arco di tempo. Una regia poco brillante, una fotografia stantia, inquadrature da libri di testo scolastici, dialoghi insulsi. Non c’è niente di illuminante in questo film, niente di stimolante. C’è solo il fatto che ci hai messo 12 anni. E STICAZZI.

E’ un film sulle pettinature. Un lunghissimo film sulle pettinature.

Voglio indietro le tre ore di nulla che mi hai rubato, Linklater del cazzo.

*Va a prendersi una tisana calda e a rifarsi i bigodini*

Advertisements