Top ten assoluta – i dieci film di Elisa

Nel fare la lista dei 10 miglior film secondo Elisa sono partita da due principi differenti: odiare Giuseppe Marino il più a lungo possibile e decidere di fare la lista nel più breve tempo possibile. Anche perchè se ci penso troppo mi partono tutti i rimpianti e i rimorsi del mondo. Tanto so già che mi taglierò le mani, quindi leviamoci il pensiero.

La mia lista non inquadra i migliori film della storia bensì i 10 film a cui sono più affezionata. Io però sono una romantica, quindi la mia lista verterà tutta sul rapporto intimo Elisa VS pellicola.

Back-to-the-Future--006

1) Ritorno al futuro

Se non posso inserire la trilogia, scelgo il primo.  Un film circolarmente perfetto e che accoglie tantissimi generi diversi. Attori OLTRE. Ed inoltre Back to the future è intimamente legato agli affetti più importanti della mia vita. Quando guardo questo/i film il mio cervello si stacca, mi sento felice e rilassata. Divertita e tranquilla. Dimentico tutto il resto. Credo sia questa una delle principali funzioni del cinema.

aliens

2) Aliens

Chi mi conosce sa che Ripley è la mia seconda mamma. Ripley è sempre stata una grande ispirazione per me. E’ una donna forte, combattente e incredibilmente coraggiosa. E contemporaneamente è un essere umano fragile, singhiozzante, pieno di paure e ricordi che la tormentano. Malgrado questo riesce ad andare oltre, corre incontro ai suoi demoni col fiato corto e le ginocchia tremolanti. E lo fa per amore. Ecco, questa è la mia donna perfetta. Non è una super-eroina. E’ una donna normale, lanciata in un mondo del cazzo, che tremando riesce ad ammazzare i mostri. Già solo per questi motivi Aliens si aggiudica il secondo posto. Se non fosse che è anche un delizioso film tamarro, pieno di personaggi esilaranti e cazzutissimi. E, ovviamente, pieno di xenomorfi. E io lo amerò in eterno. E’ troppo troppo.

pidt1OaJMz59ojrFh6Fw9XXXMc7

3) Guerre Stellari

Se devo scegliere, ovviamente scelgo L’impero colpisce ancora. Prima di capire che mezzo mondo amava questo film in modo ossessivo-compulsivo era il mio film di famiglia. Essere piccola e capire i tormenti del bene e del male attraverso Guerre Stellari è stato meraviglioso. Vabbè che altro c’è da dire, sappiamo cos’è e cosa ci ha dato. L’unico scazzo è ringraziare George Lucas.

clerks2

4) Clerks 2

Sì avete letto bene, è proprio il 2. Il più grande film d’amore nella storia del cinema. Proprio perchè è estremamente normale. La più grande storia d’amicizia della storia del cinema. Proprio perchè è tutta storta. Il più grande specchio della vita del trentenne medio. Coi suoi sogni infranti, con la verità davanti agli occhi, con la successiva consapevolezza che la felicità è tutta attorno a te, basta notarla. E ovviamente tanta tanta comicità targata Kevin Smith, un uomo straordinario proprio perchè è un grande estimatore delle cose piccole.

memphis-belle-original

5) Memphis Belle

Mio padre è un grande appassionato di film di guerra. Ne consegue che io sia cresciuta con la stessa passione. Quando ero piccola avrò visto questo film ottocentomila volte, in ogni situazione. In camper, in albergo, a casa degli zii, a casa mia, in roulotte. E’ un film paradossalmente molto dolce. Intenso e perfino divertente. Rispetto ad altri colossal di guerra è molto piccolo e in realtà non esplicita la crudezza della guerra. Focalizza la sua attenzione nei concetti di amicizia, di gruppo, e di tutti quei piccoli retroscena di ogni giovane ragazzo che partiva per la guerra consapevole di quello che poteva succedere. Nonnismo, bullismo, superstizione, amore. Questo film, affettivamente, significa tanto per me. Ma davvero tanto.

Mulholland.preview

6) Mulholland Drive

Se devo scegliere un Lynch, scelgo lui. E’ difficile scrivere solo due righe su Lynch, c’ho scritto una tesi di laurea di millemila pagine. Dico solo che grazie a lui il mio cinema è diventato non solo intrattenimento ma anche introspezione. Non solo trama ma anche sensazione. Non film ma esperienze. E quand’ho capito come staccare il raziocinio e godermi i suoi incubi, ho fatto nuove conoscenze fuori e dentro me stessa. Mi sono lasciata andare. Raramente guardo Lynch in compagnia di altre persone. E’ qualcosa tra me e lui. Penso che per tanti altri sia così. Lo trovo coccolosissimo.

rosemarys-baby-2-1024

7) Rosemary’s baby

Sono una grande appassionata di horror e Rosemary, per quanto mi riguarda, è il più grande film horror della storia. Malgrado lo splatter sia estremamente divertente, ho un debole per gli horror psicologici e questo è un burrone verso la follia. Ed è perfetto. La rabbia, la confusione, il sospetto, il silenzio. Adoro i film che ti insinuano inconsciamente il sospetto che il Male prima o poi verrà a fottere anche te, proprio perchè si cela così bene.

the-goonies

8) Goonies

Sono figlia degli anni ’80, che volete farci. Nella categoria ci sono anche Navigator ed Explorers, ma i Goonies è quello che vince il fight. Un film che ha accompagnato piacevolmente la mia adolescenza, e che inoltre guardo volentierissimo anche adesso. Le piccole grandi avventure, i piccoli grandi amori, il ristretto gruppo di amici-per-sempre. Dentro questo film c’è tutto l’immaginario di quegli anni, tutti i sogni dei bambini.

titus1

9) Titus

Fottutissima arte. Già che Tito Andronico lo amo nel profondo. La tragedia più bella di Shakespeare. Julie Taymor ne ha fatto arte visiva. Le grandi seghe. Questo film è un fottuto capolavoro. E gli attori son bravi forte. E la regista (ha fatto anche Frida, che ADORO) è stata geniale a mescolare ambientazioni antiche con oggetti, indumenti e mezzi di trasporto contemporanei. Scene di violenza inaudita rese così profondamente sublimi. Questo film mi fa adorare tutte le cose cattive. Mi arrapa di brutto.

cube1

10) The cube

Ok molti di voi non sanno di cosa parlo, tutti gli altri staranno fischiando. Con questo film mi ci son fatta dei pipponi grandiosi. The cube è un film di Vincenzo Natali, canadese. Hanno fatto anche il 2 e il 3 che sono entrambi da bestemmie, proprio perchè smontano la raffinata follia del primo. Immaginatevi un gigantesco cubo di Rubik dove dentro ogni cubetto colorato si nascondono autentiche trappole mortali. E il cubo si muove, cambia le posizioni. E tu devi cercare di uscire. Un piccolo gruppo di estranei, senza vestiti o oggetti personali. Questo film è l’esatta descrizione della socialità dell’uomo. Delle spinte mentali che lo portano all’autodistruzione. Il dubbio e il sospetto verso lo sconosciuto. La lotta per la vita. Le alleanze e l’odio. E la genialità della completa mancanza di informazioni. Nemmeno alla fine il pubblico sa perchè queste persone sono state messe lì dentro o da chi. Così partono i pipponi e le interpretazioni. Alle superiori io e le mie amiche abbiamo speso settimane a parlarne. Stupendo. Da malati.

[Elisa]

PS: fuori son rimasti: Ichi the killer, Ghost Dog, Eternal sunshine of the spotless mind e Mr Vengeance. Gne.

Advertisements