After (what a twist!) Earth

"Non scendo da qui finché non abbiamo una sceneggiatura decente. Vabbè, ho fame, arrivo."

“Non scendo da qui finché non abbiamo una sceneggiatura decente. Vabbè, ho fame, arrivo.”

After Earth è un film sbagliato. E’ il film che nessuno voleva sapessimo fosse diretto da Shamalaya. Ma stavolta non è tutta colpa sua. Per quanto potesse starmi simpatico Will Smith per parti da cazzone nel suo passato recitativo, non avevo grandi speranze per le sue capacità di scrittura.

Questa non è la faccia del prossimo Hemingway.

Questa non è la faccia del prossimo Hemingway. What a twist!

After Earth ha più premesse sbagliate di un manifesto dei fratelli ariani. Se Cronaca Vera fosse un film di fantascienza sarebbe After Earth. Molto semplicemente l’ambientazione è sbagliata e la tecnologia è sbagliata.

La prima locandina del film.

La prima locandina del film.

Anche visivamente il film non è un granché. La maggior parte del tempo Jaden Smith fugge da ammassi pixellosi schivando alberi finti. Se il film è costato più di 50 dollari è solo perché bruciavano pallet di banconote ogni giorno per cuocere gli hot dog.

"Gliel'ho insegnato io."

“Gliel’ho insegnato io.”

Unica nota positiva del films è il giovane Jaden Smith che si era già fatto notare nel remake di Karate (in realtà Wushu) Kid insieme a Jackie Chan. Il giovane Smith, se riesce a non farsi traviare dalle derive scientologiste dei genitori, potrebbe avere un roseo futuro.

"OMMIODDIO HA L'OMBELICO!" (Cercando una sua foto ho trovato sta roba e non me la spiego tanto)

“OMMIODDIO HA L’OMBELICO!” (Cercando una sua foto ho trovato sta roba e non me la spiego tanto)

[possibili spoiler a seguire, ma in realtà no]

Elisa insiste che devo spiegare cosa rende la fantascienza di questo film sbagliata. In poche parole manca di coerenza interna. Invece di creare un universo credibile e coerente e ambientarci una storia, hanno piegato l’ambientazione alla sceneggiatura. Per fare un esempio, se ai fini della storia serve che le bestie biomeccaniche riescano a trovare gli umani solo grazie ai ferormoni della paura, le bestie non avranno occhi e orecchie anche se la scelta non ha senso e gli da un handicap immenso.

Se ti metti un arbre magique al collo lui non ha modo di sapere dove sei.

Se ti metti un arbre magique al collo lui non ha modo di sapere dove sei.

Ora, se effettivamente diamo per accettato che i nemici degli umani siano delle teste di cazzo incompetenti, non è però ragionevole che i Ranger (mai nel film viene spiegato chi cazzo siano) non si siano inventati un modo per coprire l’odore delle persone per renderle invisibili al povero piciu a sei zampe. Di nuovo, non lo fanno perché per la storia serve che l’unico modo per rendersi non visibili agli Ursa (anche il nome è terribile) è non avere paura.

"Autan, ora anche anti-Ursa!"

“Autan, ora anche anti-Ursa!”

After Earth ha esempi del genere a piovere. Ogni volta che aprivano bocca per dire qualcosa di tecnologico avrebbero fatto prima a recitare l’alfabeto, avrebbe avuto più senso.

Molto più chiaro, grazie Hodor!

Molto più chiaro, grazie Hodor!

Sto film mi ha intristito. Così tante cose che non vanno mi deprimono. Ci sarebbe ancora di disquisire sull’uscita, quasi contemporanea, di due film post-apocalittici di due esponenti di spicco di Scientology (questo e Oblivion), ma non sono abbastanza complottista per darci un senso.

[pekka]

Advertisements